RIABILITAZIONE FUNZIONALE

Riabilitazione funzionalePresso il Training Lab Firenze applichiamo il trattamento riabilitativo secondo le più recenti risultanze della ricerca Clinica internazionale. Dal punto di vista procedurale adottiamo una Riabilitazione così detta Tradizionale e una Riabilitazione Funzionale che sono momenti interdipendenti di un medesimo protocollo operativo.

 

Ruolo della Riabilitazione Tradizionale

La Riabilitazione Tradizionale che viene attivata subito dopo un infortunio o un intervento chirurgico deve avere come obiettivo di assicurare che gli esercizi siano effettuati in modi sicuro ed efficiente con minimo rischio di nuovi infortuni, deve ridurre il dolore e la tumefazione, recuperare la motilità articolare e la flessibilità muscolare così come il rinforzo di gruppi muscolari isolati.

Tutti questi obiettivi sono il prerequisito per la fase di Riabilitazione Funzionale che presso il nostro Centro ha particolare attenzione e valore.

 

Ruolo della Riabilitazione Funzionale

La Riabilitazione Funzionale rappresenta la progressione da quella Tradizionale e comporta di recuperare la funzione fisica del soggetto al livello necessario per un ritorno alle attività svolte prima dell’infortunio in modo sicuro ed efficiente. Ciò richiede un attenta corrispondenza fra le richieste biomeccaniche, neuromuscolari e fisiologiche del programma riabilitativo con le richieste di funzionalità fisica del soggetto e comporta l’impiego di schemi di movimento poliarticolari, che coinvolgano più gruppi muscolari e che siano attività-specifici.

Tale tipo di riabilitazione inoltre integra i tre livelli di controllo sensomotorio, come risultanza di esercizi in catena cinetica chiusa per gli arti superiori e inferiori così come per la schiena.

 

Fasi della Riabilitazione

Tutti gli individui sono fisiologicamente differenti e dimostrano livelli diversi di preparazione fisica, diversa capacità psicoemotiva, diversa motivazione e capacità adattativa alla riabilitazione.

Se un soggetto è stato sottoposto ad intervento chirurgico esistono divergenze nella letteratura scientifica sulla tempistica riguardo a quando permettere certe attività riabilitative.

Noi non consideriamo una riabilitazione basata su semplici parametri temporali, al contrario raccomandiamo e adottiamo una progressione individualizzata del programma riabilitativo basata sulla valutazione dei risultati e misurazioni oggettive dello stato fisco raggiunto.

Secondo questo principio riconosciamo quattro fasi della riabilitazione: quella iniziale, quella intermedia, quella finale e infine quella di dimissione del paziente dall’iter riabilitativo.

La fase iniziale di riabilitazione è in genere caratterizzata dalla presenza dei segni e dei sintomi della infiammazione e dalle limitazioni del movimento e del carico articolare tipici del momento postchirurgico. Il nostro approccio sarà quello di applicare forze minime di carico e di stress articolare per proteggere i tessuti in fase di cicatrizzazione e il nostro obiettivo sarà quello di risolvere dolore e infiammazione.

La fase intermedia è caratterizzata dalla risoluzione dei sintomi e dei segni della infiammazione e dal recupero della motilità articolare e della capacità di carico sull’arto interessato. Gli esercizi di rinforzo e di recupero dell’equilibrio, avranno come obiettivo di preparare i tessuti interessati a tollerare carichi di lavoro in alta velocità o di alto impatto recuperando la propriocettiva e il controllo neuromuscolare.

La fase finale è caratterizzata dalla introduzione di attività a maggior carico e a maggior velocità di esecuzione e il soggetto è avviato gradualmente verso esercizi e gesti più specificatamente sportivi.

La fase di dimissione è quella nel quale il soggetto è in grado di passare ad un vero è proprio allenamento specifico, in questo programma potrà essere preso incarico da un Preparatore Atletico che potrà seguirlo nel vero e proprio “rientro in campo”.

Le nostre metodiche di allenamento si basano su dati scientifici che sono di recente acquisizione. Tali ricerche hanno evidenziato che certe caratteristiche neuromuscolari debbono essere individuate e allenate. Fra queste di particolare importanza sono l’Attivazione Muscolare Riflessa e l’Attivazione Muscolare Discriminatoria.

 

Attivazione Muscolare Riflessa

I metodi di allenamento basati sull’equilibrio e l’agilità hanno dimostrato di determinare una significativa diminuzione del tempo di reazione muscolare e più rapido inizio dello sviluppo della tensione muscolare. Basato su tali risultanze i metodi di allenamento debbono includere esercizi di forza, equilibrio, agilità configurandosi in un vero e proprio “Complex Training” che avrà come risultato quello di migliorare la stabilità articolare come risultanza della attivazione muscolare riflessa.

 

Attivazione Muscolare Discriminatoria

Le coppie di forza dei muscoli agonisti e antagonisti sono essenziali per equilibrare le forze applicate sulle articolazioni durante attività dinamiche. L’allenamento incentrato sul biofeedback procura informazioni istantanee riguardo agli schemi di attivazione muscolare ed è in grado di assistere il soggetto nella correzione conscia di scorretti reclutamenti muscolari. L’obiettivo di una tale forma di allenamento è quello di guidare il paziente da esercizi altamente cognitivi e richiami muscolari volontari verso schemi motori funzionali attività-specifici che divengono automatici e istintivi.